RECENSIONE DI ”NON HO VOGLIA DEL DESTINO” DI LUCA ROMANI; ARTICOLO DI OMAR GAMBA

14 - 8

Un romanzo di indagine. Già, un romanzo scritto con l’archetipo narrativo che può essere considerato in voga ai tempi contemporanei della scrittura creativa. Un romanzo quello di Luca Romani che si potrebbe inquadrare facilmente così. Ma non è proprio così. La ricerca e l’indagine che sono il filo conduttore della trama, sono anomali e non convenzionali nell’Opera in questione.
Viene da pensare che la trovata letteraria, la metempsicosi, in cui il personaggio principale viene posto dall’autore, sia qualcosa di insolito e piuttosto interessante.
La realtà viene posta in una visione alternativa. Non è detto che ciò che vien narrato sia del tutto inverosimile. Come qualche filosofo sostiene ogni azione può ripetersi per migliaia di volte: viene da pensare che la storia narrata possa anche essere vera. E qui scappa un sorriso, qui viene a soccorrere il lettore una serie di domande del tipo: e se anch’io fossi il frutto di diverse reincarnazioni?
Insomma la credibilità aumenta il fascino del racconto di Luca Romani, che si svolge come un diario tra Milano e il Messico, tra l’Uganda e l’Iran in contesti storici piuttosto difficili (dalla Cristiada alla dittatura di Idi Amin Dada).
La connotazione esotica quindi non manca e il mistero che si svela e si compie durante la narrazione è di sicuro interesse per un lettore esigente e maturo.
E’ probabile che il romanzo in questione abbia avuto il pregio di una ricca documentazione su cui essere fondato e che i personaggi evochino (almeno nei confronti del protagonista Joyce), mostri sacri della letteratura mondiale, sebbene possa anche essere solo una sorta di omaggio allo scrittore irlandese.
Potrebbe forse essere un limite del lavoro di Romani l’eccessiva velocità della stesura, che rende il romanzo forse troppo breve e che non arriva forse a soddisfare tutta quanta la fame di un divoratore di opere di questo tipo, dove appunto la ricerca svolge una parte predominante. Tuttavia l’opera è gustosa e ricca di riferimenti e connotazioni. Vale la pena di immergersi in questa cronaca avvincente.

Luca Romani; Non Ho Voglia Del Destino; Edizioni Leucotea; 12,90 Euro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...