Come si chiude un piccolo ciclo – Ultimo evento del ”Presentiamoci”

Image

Mercoledì 23 aprile 2014, presso la Sala Corsi della biblioteca di Macherio, si è svolto il 3° evento “Presentiamoci” dell’Associazione Liberolibro Macherio; ciclo di eventi che è servito, ai membri della stessa, per presentarsi al pubblico assieme alle loro opere.
Questa volta è toccato a Omar Gamba, scrittore, che ha presentato il suo nuovo romanzo “Juan Forlì” edito da Edizioni Simple, ed a Simona Castelli, artista che ha esposto alcuni gioielli (collane, bracciali) fatti con materiali riciclati.
Relatrici della serata sono state Maria Fedele per Omar Gamba e Lory Mingotti per Simona Castelli, anch’esse membri dell’Associazione.
L’opera letteraria di Omar è sostanzialmente un romanzo di formazione. Juan Forlì, che dà il titolo al romanzo, è un personaggio assai complesso, semplice e puro allo stesso tempo. Potrebbe essere considerato un eroe o un antieroe a seconda della prospettiva da cui lo si vuole osservare.
La vicenda della sua vita si svolge principalmente nell’immediato dopo guerra. La sua principale caratteristica è la bontà d’animo, che lo aiuta a superare le vicissitudini di quel travagliato periodo storico. Egli è un orfano, condizione assai brutta in un’Italia devastata dalla seconda guerrra mondiale.
Un’altra fondamentale caratteristica del personaggio è la sua straordinaria forza fisica, che egli sfrutterà non sempre nel migliore dei modi.
Juan è alla ricerca di una “felicità reale” che incontrerà ben poche volte nella sua vita e che cercherà di trattenere in tutti i modi. In tutta la sua vita i momenti felici saranno ben pochi. In definitiva il personaggio è decisamente naif.
Chi è Juan, alla fine? Eroe e antieroe a pieno titolo: andare alla scoperta di questa verità è un po’ il dovere del lettore.
E’ poi seguita una lettura di 2 brani del romanzo eseguiti molto bene da Maria Fedele.
Terminata la presentazione di Omar Gamba si è parlato di Simona Castelli che sta seguendo il biennio di specializzazione in Teoria e Pratica della Terapeutica Artistica a Brera. Simona ha esposto le sue opere, gioielli fatti con materieli riciclati: principalmente carta, come pagine di riviste e volantini pubblicitari, ma anche sughero e perline di vetro, che mettono in risalto la sua ottima manualità.
Ad una più attenta osservazione i gioielli godono di un fattore cromatico assolutamente casuale ma di forte impatto.
La serata è quindi terminata con un saluto del Vicepresidene dell’Associazione Demetrio Piro che ha esortato il pubblico a venire numeroso anche alla prossima presentazione del 30 aprile.

Evandro Straccini.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...